Birra artigianale, che cos’è di preciso?

Negli ultimi anni si sta sempre più diffondendo in Italia la passione per la birra artigianale. Ma che cos’è di preciso la birra artigianale? La definizione non è molto semplice, anzi è quasi impossibile. Secondo la legge italiana, la normativa sulla birra artigianale dice che: “Si definisce birra artigianale la birra prodotta da piccoli birrifici indipendenti e non sottoposta, durante la fase di produzione, a processi di pastorizzazione e di microfiltrazione.”, quindi stabilisce che venga prodotta senza che la birra venga sottoposta a processi industriali, inoltre deve essere prodotta, sempre per rispettare la legge, al di sotto dei 200 mila litri per anno. A parte la definizione legale, che si concentra sopratutto sulla quantità prodotta, non esiste un vera è propria distinzione, in generale però, la birra artigianale è solitamente non pastorizzata, non filtrata e senza conservanti.

Due caratteristiche fondamentali sono inoltre, in primis, il rispetto degli ingredienti (non vengono utilizzati surrogati del malto d’orzo, come il malto di riso o il malto di mais) e, come secondo aspetto, la non uniformità del gusto: la birra artigianale, come succede anche per le annate di vino, può variare leggermente di gusto a seconda della “cotta”, al contrario della birra industriale il cui gusto è sempre volutamente identico, indipendentemente dalle stagioni o dagli anni.

Birra artigianale

Per concludere, quindi non esiste una vera è propria distinzione tra birra industriale e birra artigianale. Se si parla di quantità, bisogna ammettere che ci sono molte birre che vengono prodotte in grandi quantità, da imprese di dimensioni industriali, che sono comunque ottime, prodotte con cura e che rispettano fedelmente lo stile di produzione e l’utilizzo delle materie prime. Nei piccoli birrifici artigianali, si può dire che la produzione della birra, viene fatta forse con più passione, cercando di rispettare gli ingredienti e il territorio, cercando di diffondere la cultura del “bere artigianali”.